Please enable JS

BLOG

Soluzioni anticaduta: la salute del capello passa anche dall'alimentazione

Gennaio 31/ adm-in5/Salute del capello

La salute del corpo è indissolubilmente connessa alle abitudini alimentari. E se questo è valido per il benessere fisico in generale, a maggior ragione vale per una parte del corpo delicata come i capelli. Una dieta squilibrata o un regime alimentare non corretto possono provocare la carenza di alcuni nutrienti fondamentali, che a sua volta determina la comparsa di fattori che possono portare alla perdita precoce dei capelli. È quindi fondamentale adottare preventivamente soluzioni anticaduta, scegliendo un’alimentazione sana ed equilibrata. Se la caduta dei capelli invece è già in atto, è importante prediligere cibi e sostanze che concorrono a rafforzare la vitalità del capello.

La composizione del capello

L’effetto positivo che una corretta alimentazione ha sulla salute dei capelli non stupisce se si va ad analizzare quella che è la composizione del capello. Quest’ultimo è infatti costituito in gran parte da una proteina solida, la cheratina, e per il resto da acqua, grassi, pigmenti e oligoelementi. La cheratina, a sua volta, è composta da sali minerali, vitamine e due amminoacidi, la cistina e la lisina. Entrambi sono amminoacidi definiti “essenziali”, vale a dire quel tipo di amminoacidi che l’organismo non riesce a sintetizzare da solo in quantità sufficiente per far fronte ai propri bisogni. Ecco allora che l’assunzione di questi elementi attraverso l’alimentazione diventa fondamentale per la salute del capello.

Gli alimenti amici dei capelli

Le sostanze che vanno a costituire la cheratina sono presenti in moltissimi cibi, e molti altri invece hanno la funzione di stimolarne la produzione. Includerli nella dieta giornaliera aiuta a rafforzare i capelli e stimolarne la crescita. Ad esempio, gli amminoacidi sono contenuti soprattutto nelle proteine: è quindi indispensabile assumerne tutti i giorni, alternando il più possibile carni, pesce, uova, formaggio e cereali. Va prestata molta attenzione anche ai livelli di vitamina A, che ha una funzione antiossidante e regola la sintesi della cheratina attraverso un’azione specifica sui radicali solfidrilici. Una sua carenza può favorire l’accumulo di forfora oltre a capelli sfibrati; gli alimenti che ne sono ricchi sono sia di origine animale (fegato, uova, latticini) che di origine vegetale (ad esempio carote, zucca e pomodoro). Infine l’assunzione di omega3, acidi grassi contenuti nel pesce azzurro o nella frutta secca, stimola il microcircolo, favorendo la sintesi delle proteine strutturali, tra cui la cheratina. È fondamentale quindi che questo tipo di alimenti non manchi mai in una dieta bilanciata volta a favorire il benessere dei capelli.

FONTI:



Articoli correlati
img