Please enable JS

BLOG

Sport e capelli

Sport e capelli: quali sono gli effetti dell’attività fisica sulla chioma?

Novembre 03/ adm-in5/Salute del capello

Quando si parla di sport e capelli le opinioni sono piuttosto contrastanti: c’è chi promuove i benefici dell’attività fisica sulla chioma e chi invece sostiene che troppo sport sia causa di caduta e diradamento. Come spesso accade, anche in questo caso la verità sta nel mezzo. Tutto dipende infatti dal tipo di attività e da come si esegue.

Una cosa da tener ben presente è che fare esercizio fisico non comporta direttamente la perdita dei capelli, ma sono altri i fattori legati allo sport che possono mettere a dura prova la loro salute. Un’alimentazione sbilanciata, ad esempio. Spesso infatti la dieta di chi fa attività sportiva è poco equilibrata e predilige l’assunzione di troppe proteine. Inoltre, l’utilizzo di integratori o steroidi, specialmente quelli che derivano dal DHT (diidrotestosterone), porta a una maggiore produzione di testosterone e ad accelerare la perdita dei capelli. Tutto questo accade però solo se si ha già una forte predisposizione genetica, la prima indiziata nei problemi di telogen effluvium.

Alcune discipline sportive espongono i capelli a un maggior rischio di indebolimento, una di queste è il nuoto: il cloro sfibra il capello e lo rende più fragile, ma non è direttamente collegato alla caduta. Anche l’uso di cuffie in materiali poco traspiranti può ulteriormente stressare il cuoio capelluto e peggiorare un’alopecia già in progresso. È quindi preferibile usare cuffie in stoffa o lycra.

A seguito dell’attività fisica, il nostro organismo aumenta la produzione di sale e sebo, contenuti nel sudore: il primo tende a seccare il capello, mentre l’eccesso del secondo contribuisce a ostruire il follicolo pilifero. Anche se il sudore non è un fattore determinante, può essere incisivo nel caso in cui ci sia già una predisposizione alla calvizie. Lavare bene la chioma dopo lo sforzo fisico con prodotti delicati è sempre la soluzione migliore per evitare di danneggiare i capelli miniaturizzati, quindi già colpiti da alopecia.

Ci sono però tante attività come la corsa, il ciclismo, il ballo o anche una semplice camminata veloce che rientrano nella categoria “cardio”, la cui funzione è di ottimizzare il lavoro dell’apparato circolatorio, aumentando l’afflusso di sangue anche nel cuoio capelluto. Ciò significa maggiore apporto di ossigeno e nutrienti ai follicoli piliferi. Un consiglio utili per migliorare ancora di più la cura dei capelli è di pettinarli prima di iniziare la sessione di allenamento. Questo favorisce la circolazione della cute e previene l’azione dannosa di sebo e sale. Un’altra buona abitudine è anche quella di evitare di fissare i capelli con elastici troppo stretti. A causa del movimento continuo, infatti, provocano sfregamento e attrito, portando alla perdita dello strato protettivo esterno e aumentando il rischio di rottura. È quindi sempre meglio raccoglierli con una fascia o una bandana.

Numerosi studi hanno dimostrato come fare sport riduca lo stress e aumenti la produzione dell’ormone della felicità, la serotonina, contribuendo direttamente alla salute e alla bellezza dei capelli, così come della pelle e di altre parti del corpo. L’attività fisica, infatti, è un rimedio efficace contro la tensione della vita quotidiana, mentre lo stress è una delle cause più comuni della caduta di capelli, sia negli uomini che nelle donne.

Possiamo quindi affermare che l’accoppiata tra sport e capelli sia assolutamente vincente, purché vengano presi alcuni piccoli accorgimenti che aiutino a mantenere in forma anche la chioma.


Articoli correlati
img